BASI DI ETOLOGIA VETERINARIA

Crediti: 
4
Settore scientifico disciplinare: 
FISIOLOGIA VETERINARIA (VET/02)
Anno accademico di offerta: 
2017/2018
Semestre dell'insegnamento: 
Secondo Semestre
Lingua di insegnamento: 

italiano

Obiettivi formativi

Comprensione delle basi fisiologiche del comportamento
animale.
Al termine del corso lo studente deve conoscere dettagliatamente i meccanismi fondamentali che regolano la funzione cellulare, che presiedono alle funzioni del sistema nrvoso, neuroendocrino ed alla modulazione delle funzioni vegetative e digestive con riferimento all'etologia del comporamnto animale. Lo studente dovrà essere capace di analizzare le strategie comportamentali nelle diverse specie al fine di costruire le basi teoriche e pratiche per il controllo dei comportamenti degli animali domestici. E’ in grado di conoscere i meccanismi controllano la formazione delle urine, le funzioni del rene, dell’apparato respiratorio e cardiovascolare. Dovrà aver acquisito delle corrette terminologie e definizioni della fiasiologia del comportamento
Inoltre l’insegnamento ha come obiettivo il conseguimento di autonomia giudizio, capacità critica, comunicativa e di apprendimento concordemente con quanto definito negli obiettivi specifici del Corso,

Contenuti dell'insegnamento

Organizzazione funzionale del sistema nervoso. Tipi di apprendimento. Condizionamento classico. Apprendimento per prove ed errori: rinforzi e punizione. Comportamento sociale e ordine gerarchico. Comportamento territoriale e marcatura del territorio. Feromoni. Stress e distress . Biologia dello stress:aspetti endocrini e comportamentali. Il benessere negli animali domestici.

Programma esteso

Fisiologia del comportamento: sistema nervoso e ormoni. Omeostasi. riproduzione.
Comportamento riproduttivo: Ritmi e cicli (basi fisiologiche del comportamento sessuale). Corteggiamento, accoppiamento e lotta per la supremazia. Libido.
Parto e cure parentali. Adattamento. Discomfort. Dolore. Sofferenza e stress. Fisiologia dello stress. Sistema adrenergico e Cortisolo.

1. Genetica del comportamento, evoluzione e domesticazione, genotipo-fenotipo
2. Il sistema limbico e il sonno
3. Istinto
4. Comportamenti innati e appresi
5. Apprendimento
6. Imprinting
7. I riflessi condizionati (rinforzi casuali, cadenzati, costanti, positivi e negativi)
8. Puzzle box di thorndke
9. Skinner box ed il condizionamento operante
10. Corteggiamento
11. Cure parentali
12. Organizzazione sociale
13. Territorialità
14. I sensi
15. Comportamenti riproduttivi degli animali domestici
16. Anomalie comportamentali degli animali domestici e terapie.

Testi consigliati
Verga M., Carenzi C.: Il comportamento degli animali domestici. Edagricole. Bologna.
Papalia S.: Il benessere degli animali. Esseditrice

Azioni

Bibliografia

Etologia degli animali domestici, Per Jensen, McGraw-Hill, Milano.

Metodi didattici

Lezioni frontali, Capire le basi neuro-fisiologiche del comportamento animale. Sviluppare le capacità di analisi critica finalizzate alla risoluzione di problemi connessi alla futura professione. Obiettivi formativi della parte pratica: rinforzare i principi discussi durante le lezioni e permettere un’esperienza diretta di acquisizione ed interpretazione di parametri fisiologici e comportamentali.

Modalità verifica apprendimento

esame finale scritto. Modalità di svolgimento dell’insegnamento e le metodologie didattiche in relazione agli obiettivi formativi sopra dichiarati consisteranno in lezioni frontali, esercitazioni, seminari, uso di laboratori, ricerche in archivio o biblioteca.