ANATOMIA, EMBRIOLOGIA, ISTOLOGIA DEGLI ANIMALI DOMESTICI

Crediti: 
6
Sede: 
PARMA
Anno accademico di offerta: 
2020/2021
Responsabile della didattica: 
Settore scientifico disciplinare: 
ANATOMIA DEGLI ANIMALI DOMESTICI (VET/01)
Semestre dell'insegnamento: 
Primo Semestre
Lingua di insegnamento: 

Italiano

Obiettivi formativi

Al termine dell’attività formativa lo studente dovrebbe aver acquisito conoscenze e competenze relative alla citologia, istologia, embriologia e anatomia generale e speciale degli animali di interesse zootecnico che possano essere utili al laureato della classe L38.
In particolare lo studente dovrebbe essere in grado di:

D1 - CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE;
Conoscere, interpretare e comprendere l'organizzazione morfo-strutturale degli animali di interesse zootecnico,.

D2 - CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE;
Saper applicare le conoscenze acquisite per collegare fra loro i diversi argomenti trattati, stabilire confronti, effettuare controlli, aiutare nella risoluzione dei problemi diagnostici e affrontare con profitto gli studi che trattano della fisiologia, della patologia, della riproduzione, della biomeccanica, del benessere, delle condizioni di allevamento, nonché delle caratteristiche e qualità degli animali in funzione delle produzioni.

D3 - AUTONOMIA DI GIUDIZIO;
a) descrivere e interpretare autonomamente le caratteristiche morfo-strutturali degli organi e gli apparati degli animali di interesse zootecnico

D4 - ABILITÀ COMUNICATIVE;
a) descrivere oralmente in modo chiaro, esaustivo e sintetico, utilizzando una terminologia tecnica appropriata, i quadri macroscopici d’organo, di apparato e di sistema.
b) saper comunicare con le figure professionali presenti negli ambiti operativi della sua professione, utilizzando un linguaggio appropriato in rapporto al contesto e all'interlocutore

D5 - CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO.
a) Consultare e comprendere autonomamente testi scientifici diversi dai libri di testo,
b) eseguire autonomamente una ricerca bibliografica su specifici argomenti inerenti la disciplina,
c) possedere una padronanza della materia sufficientemente ampia da permettergli lo studio e la comprensione delle materie affini e caratterizzanti il corso di studi in SZTPA.

Prerequisiti

Conoscenze specifiche previste dal test di ingresso o in alternativa, recupero del debito formativo in Biologia

Contenuti dell'insegnamento

Il corso prevede più parti.
- La prima parte è dedicata alla citologia, all’istologia e all’embriologia (CEI). Per quanto riguarda la citologia, vengono richiamate le conoscenze relative alla struttura della cellula eucariote. Per quanto riguarda l'embriologia, vengono affrontati argomenti che vanno dalla gametogenesi alla formazione dei tre foglietti embrionali, dalle membrane fetali alla placentazione nelle specie di interesse zootecnico. Infine, vengono impartite conoscenze relativamente alle caratteristiche strutturali e funzionali dei tessuti epiteliale, connettivo, muscolare e nervoso
- Nella seconda parte, dedicata all’osteo-artro-miologia (OAM), vengono dapprima impartite conoscenze sulle generalità anatomiche e sulla terminologia da utilizzare. Vengono quindi definite le principali parti del corpo e gli aspetti morfostrutturali dell'apparato locomotore.
- Nella terza parte del corso (SPLACNOLOGIA) vengono impartite conoscenze su organi endocrini, apparato digerente dei monogastrici e dei Ruminanti, apparato uro-genitale maschile e femminile; vengono infine impartite conoscenze generali sugli apparati cardio-circolatorio, respiratorio e tegumento comune, con particolare attenzione agli aspetti morfostrutturali dello zoccolo degli ungulati a della mammella.

Programma esteso

CITOLOGIA
Aspetti morfo-strutturali della cellula eucariote.
Membrana citoplasmatica ed involucro nucleare.
Gli organuli citoplasmatici.
Meccanismi di trasporto.
Specializzazioni cellulari.
EMBRIOLOGIA
Processi dello sviluppo embrionale di animali di interesse zootecnico.
Gametogenesi.
Fecondazione.
Gastrulazione.
Placenta ed annessi embrionali.
ISTOLOGIA
Caratteristiche strutturali ed ultrastrutturali dei tessuti animali
-Tessuto epiteliale:
• Epiteli di rivestimento,
• Epiteli sensoriali,
• Epiteli particolarmente differenziati,
• Epiteli ghiandolari.
-Tessuto connettivo:
• Tessuti connettivi propriamente detti,
• Tessuti connettivi specializzati
• Tessuto osseo,
• Tessuto cartilagineo,
• Tessuti connettivi a sostanza fondamentale liquida (afibrillari),
• Sangue.
-Tessuto muscolare:
• Tessuto muscolare liscio,
• Tessuto muscolare striato,
• Tessuto muscolare striato cardiaco.
- Tessuto nervoso
• Neuroni e cellule della glia.
ANATOMIA
Generalità anatomiche, terminologia e principali parti del corpo.
Organizzazione generale degli organi
Apparato locomotore:
• Osteologia
• Artrologia
• Miologia
Apparato digerente
• Aspetti morfo-strutturali del canale alimentare e delle ghiandole annesse nei monogastrici e nei ruminanti
Cenni sugli aspetti morfostrutturali dell'Apparato respiratorio.
Apparato uro-genitale maschile e femminile: Aspetti morfo-strutturali
• Reni e vie urinifere
• Gonadi e vie genitali
Apparato circolatorio
• Cenni sugli aspetti morfo-strutturali del sistema circolatorio sanguigno
• Sistema linfo-vascolare
Sistema nervoso: Oganizzazione generale del sistema nervoso
Ghiandole endocrine: Aspetti morfo-strutturali
Tegumento comune: nozioni generali
• Aspetti morfo-strutturali di mammella e unghia
ARGOMENTI DELLE ATTIVITÀ TEORICO-PRATICHE
Osservazione, studio e descizione di alcuni preparati anatomici a secco e di modellini smontabili
Studio dei principali apparati e organi tramite l'utilizzo di un software anatomico

Bibliografia

BORTOLAMI R., CALLEGARI E., CLAVENZANI P., BEGHELLI V., Anatomia e fisiologia degli animali domestici, Edagricole, Bologna

Per la parte di embriologia può essere utile:
PELAGALLI G.V., e coll.: Embriologia, Morfogenesi e Anomalie dello Sviluppo, Idelson - Gnocchi, Napoli, 2009.

Per la parte di Citologia ed Istologia può essere utile:
Mescher A. L.: Junqueira Istologia Testo e Atlante, VII edizione, Piccin, Padova,2017 (Presente anche in forma digitale).

Metodi didattici

L’insegnamento prevede 6 CFU di attività didattica suddivisa in lezioni teoriche e in lezioni teorico-pratiche.
Le ore di lezioni teoriche riguarderanno argomenti di citologia, embriologia, istologia e anatomia. In particolare verranno impartite conoscenze sulla struttura della cellula eucariote, sulla organizzazione e classificazione dei 4 tessuti, sulla gametogenesi, sulla fecondazione, sulla segmentazione, sulla gastrulazione, sulla struttura della placenta degli animali di interesse zootecnico. Dopo aver fornito indicazioni sulle generalità anatomiche, sulla terminologia da utilizzare ed una volta definite le principali parti del corpo e verrà affrontata la parte di osteo-artro-miologia avvalendosi anche dell’osservazione diretta di preparati anatomici a secco. Verranno quindi approfondite le conoscenze relativamente all’anatomia macro- e microscopica di:organi endocrini, apparato digerente dei monogastrici e dei Ruminanti, apparato uro-genitale maschile e femminile e mammella nei Ruminanti. Generalità verranno fornite sull’apparato cardio-circolatorio, sull’apparato respiratorio e sull’apparato tegumentario.
Lezioni teorico-pratiche verranno affrontate dando modo agli studenti di osservare direttamente alcuni preparati anatomici a secco e alcuni modellini smontabili. Gli studenti potranno inoltre utilizzare un software anatomico che consente di visualizzare immagini virtuali in 3D dei vari apparati e sistemi (singolarmente o in qualsiasi combinazione) delle diverse specie di animali. Tutti gli organi potranno essere visti da qualsiasi angolazione e a vari livelli di zoom.

Modalità verifica apprendimento

L’accertamento del raggiungimento degli obiettivi previsti dal corso prevede un esame scritto in cui lo studente dovrà rispondere a 3 domande riguardanti i contenuti del corso. Una domanda riguarderà la parte di Citologia, Embriologia e Istologia, una domanda farà riferimento ad Osteo Artro e Miologia ed una domanda sarà inerente argomenti di Splancnologia. Seguirà una discussione orale sulle risposte fornite nella prova scritta.
Nel caso permanessero delle restrizioni per motivi di salute pubblica e fosse necessario fare esami a distanza le modalità di accertamento potrebbero essere modificate.
Verrà accertato se lo studente ha raggiunto l’obiettivo della conoscenza e della comprensione dei contenuti e la capacità di applicare le conoscenze acquisite.
I voti saranno espressi in trentesimi e comunicati immediatamente al termine della prova stessa.
Per gli studenti con diagnosi di disturbi specifici dell'apprendimento (DSA) certificati ai sensi della legge 170/2010, sono previste apposite modalità di supporto